Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

ANAPA | 26 November 2022

Scroll to top

Top

PREVENTIVATORE RCA, ”SOLO UN ADEMPIMENTO IN PIÙ PER GLI INTERMEDIARI”

PREVENTIVATORE RCA, ”SOLO UN ADEMPIMENTO IN PIÙ PER GLI INTERMEDIARI”

Pur apprezzando il lavoro di Ivass per ridurre al minimo le incombenze per gli intermediari, Anapa sottolinea la disparità di trattamento tra agenti e broker di assicurazioni.

L’articolo 132 bis delCodice delle Assicurazioni ha introdotto nuovi obblighi informativi per gli agenti di assicurazione che sono obbligati a mostrare al cliente, in occasione della stipula di un nuovo contratto o di un rinnovo di polizza, i preventivi delle polizze Rc Auto base di ogni impresa di cui abbiano il mandato, attraverso l’utilizzo del preventivatore IvassAnapa Rete ImpresAgenzia, pur apprezzando lo snellimento apportato al regolamento dall’Autorità di Vigilanza dopo il primo giro di consultazione pubblica, sottolinea però che “restano molte ombre sugli effetti di una legge del 2012 che, dopo un iter molto complicato, rischia di arrivare in porto già vecchia”.

In ogni modo, recependo le osservazioni presentate da Anapa e da altri soggetti interessati, “il regolamento posto da Ivass in seconda pubblica consultazione fino allo scorso 16 aprile presenta evidenti miglioramenti: è stato superato il concetto dell’area riservata che avrebbe dovuto avere ogni intermediario, è stato tolto l’accesso al preventivatore tramite SPID e si è equiparato l’accesso di ogni singolo intermediario a quello del consumatore”. Sullo sfondo però, dice Anapa, “permane il gusto amaro di un ulteriore onere sulle spalle degli agenti che non apporta nulla in termini di crescita della tutela dei clienti”. Due le anomalie più evidenti: la diversità di trattamento cui è soggetto il cliente a seconda che si rivolga a un agente o a un broker di assicurazioni e l’eccessivo spostamento dell’attenzione sul prezzo della polizza.

È curioso, secondo l’Associazione aderente a Confcommercio, che “siano sottomessi all’obbligo di esibire i preventivi del contratto base i soli intermediari con mandato, escludendo di fatto i broker e, di conseguenza, anche gli intermediari iscritti in sezione E che, ad esempio, collaborano sia con un agente sia con un broker. Un cliente che entra in un’agenzia di assicurazioni sa in partenza che gli verranno offerti di una determinata compagnia, cosa che non succede quando si serve di un broker che per definizione fa consulenza senza avere alcun mandato. Una diversità di trattamento difficilmente comprensibile e che non fa altro che aggiungere nuova complessità al lavoro degli agenti e confusione nella testa dei consumatori”.

Anapa ritiene inoltre sbagliata l’impostazione di fondo della legge che “impone un confronto basato esclusivamente sul contratto base, quello minimo, che crea eccessive aspettative sul prezzo a discapito della valutazione sulla qualità complessiva della copertura personalizzata con le indispensabili garanzie aggiuntive”. Infine, l’eccessiva attenzione sul prezzo “rischia di trasformarsi in un boomerang perché la tariffa del contratto base rischia di risultare più alta del prezzo praticato dall’intermediario che solitamente applica la flessibilità tariffaria in sede di rinnovo aggiungendo condizioni che migliorano la polizza base”.

Per il presidente Vincenzo Cirasola “l’obbligo di preventivazione basato sul contratto base è riduttivo rispetto all’attività di consulenza tipica dell’agente di assicurazione. Pur apprezzando il lavoro svolto nell’ultimo anno da Ivass anche la seconda versione del regolamento posta in pubblica consultazione non apporta alcun beneficio al consumatore, ma appesantisce ulteriormente il bagaglio di oneri in capo agli agenti. Anapa è come sempre disponibile ad aprire un confronto con Ivass per individuare, nel rispetto dei reciproci ruoli, soluzioni migliorative del regolamento nell’interesse dei consumatori e del mercato assicurativo”.