Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

ANAPA | 17 October 2018

Scroll to top

Top

L’OPINIONE DELLA SETTIMANA di Stefano Maestri Accesi: SPECIALISTI O DISTRIBUTORI DI SERVIZI?

L’OPINIONE DELLA SETTIMANA di Stefano Maestri Accesi: SPECIALISTI O DISTRIBUTORI DI SERVIZI?

L’OPINIONE DELLA SETTIMANA di Stefano Maestri Accesi

SPECIALISTI O DISTRIBUTORI DI SERVIZI?

 

Cari colleghi,
nella quotidiana ricerca di ricavi e di crescita degli utili che ogni imprenditore deve avere nei suoi obiettivi primari, è basilare cercare sempre nuove soluzioni per raggiungerli.
Anche noi agenti di assicurazione, dimostrando sicuramente un’ottima dinamicità, stiamo cercando opportunità e, in alcuni casi, si cominciano a vedere sedi agenziali che si stanno trasformando in distributori di servizi, non più solo strettamente attinenti al settore, ma dalle più larghe vedute.

Nessuna condanna, anzi.

La mia riflessione verte unicamente sull’opportunità o meno di tralasciare la strada della specializzazione, almeno agli occhi della nostra clientela, per poter incrementare a breve il nostro reddito tramite il collocamento del noleggio auto a lungo termine o la vendita di tablet, questo solo per esemplificare.
Da una parte ho ben chiara la necessità che abbiamo, anche solo di coprire le spese d’impresa e continuare a garantire migliaia di posti di lavoro, con un incremento delle entrate; dall’altra ho la perplessità che ci si stia indirizzando verso una grande distribuzione generalista che, in altri settori, ha letteralmente ucciso il piccolo commercio.

Se, infatti, allarghiamo la nostra faretra di servizi inserendone alcuni lontani, almeno nell’immaginario collettivo, dalla professione di assicuratore e, di contro, altri nuovi competitors si insinuano nel nostro core business, quale futuro avremo? Forse un futuro fatto solo di grandi agenzie, piuttosto asettiche, ma in grado di rispondere alle esigenze più ampie del cliente?

O forse pensiamo di poter riuscire a diventare massimi specialisti di più aree, come cercano di fare le banche, le poste e altri, che è poi la critica che, forse strumentalmente, sempre gli si muove?

È una riflessione alla quale non credo nessuno oggi possa dare una risposta certa, ci saranno sicuramente colleghi convinti che vendere auto tramite il noleggio o mutui o altro sia la soluzione migliore e non sbagliano; come ce ne saranno tanti altri che invece cercheranno di essere sempre più competenti nel nostro core business di origine e neanche loro hanno torto.

Io sono certo che siamo alle porte di un altro cambiamento epocale, per il quale invito ognuno a riflettere che ruolo vuole giocare, da protagonista e non subire di riflesso le decisioni delle mandanti o del collega che si crede sapiente.

Vi chiedo altresì di non dimenticarvi che siamo da sempre critici verso i manager che vedono solo obiettivi a breve termine, tralasciando la vision di lungo periodo che invece noi siamo obbligati ad avere se vogliamo crescere in futuro.

Come associazione di categoria siamo convinti che sia fondamentale l’attenzione e l’essere propositivi riguardo a temi attuali, si veda IDD, contratti di lavoro e tanto altro, ma allo stesso modo è nostro compito avere una visione di lungo periodo per garantire per lungo tempo ancora la centralità degli agenti.

Buona riflessione!

Stefano Maestri Accesi
Componente di Giunta Nazionale
ANAPA Rete ImpresAgenzia