Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

ANAPA | 27 September 2020

Scroll to top

Top

Editoriale e rassegna stampa settimanale del 27/05/2016

Editoriale e rassegna stampa settimanale del 27/05/2016
SEMPLIFICARE IL SEMPLIFICABILE E…CAVALCARE LA TIGRE!

Care colleghe e cari colleghi,

La notizia che IVASS ha posto in pubblica consultazione la revisione della nota informativa dei rami danni, che andrà a modificare il Regolamento 35, permette di cogliere lo sforzo istituzionale dell’Autorità alla ricerca di quella tanto decantata semplificazione che tutti auspichiamo quotidianamente nell’esercizio della professione.

La vera notizia, però, risiede nel fatto che il documento in pubblica consultazione è il frutto di un lavoro di squadra che ha visto coinvolta Anapa Rete ImpresAgenzia e le altre associazioni degli intermediari, quelle dei consumatori, Ania ed alcune imprese, e che, attraverso un confronto aperto e concreto, sono state evidenziate tutte le criticità ed analizzate le possibili soluzioni nel rispetto del dettato normativo e delle informazioni da rendere in sede pre–contrattuale.

Confrontarsi con il mercato ha permesso di stilare un documento snello, standardizzato, redatto con grafica accattivante e linguaggio corrente, ma con tutte le informazioni chiave in forma di domande e risposte, senza rinvii a condizioni di polizza o a riferimenti normativi di difficile comprensione ai non addetti ai lavori, riducendone notevolmente le pagine. Il documento, al quale sarà possibile proporre osservazioni ed eventuali modifiche, anticipa il Product Information Document previsto dalla Direttiva sulla Distribuzione assicurativa (IDD).

Tutto ciò accade mentre proprio i rami danni registrano nella raccolta del primo trimestre 2016, secondo i dati di Ania Trends, una perdurante contrazione alla quale ha contribuito specialmente il 4,7% del settore auto solo in parte controbilanciata dalla crescita dei premi degli altri rami danni, che registrano un incremento del 2,3%. Si tratta della quindicesima variazione negativa e di una tendenza mai protrattasi così a lungo. Dal primo trimestre del 2013 al primo trimestre del 2015 i premi RC Auto in particolare, sono diminuiti di quasi il 20%.
Ampio margine di diversificazione del business, quindi, per gli agenti che, pur perdendo quasi 2 punti percentuali, restano i leaders del settore con il 76,6%, e che sapendone cogliere le opportunità offerte dalla crisi, cavalcheranno la tigre.

Buona lettura!

Paolo Iurasek
Vice Presidente Nazionale