Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

ANAPA | 19 April 2021

Scroll to top

Top

Ads, agenzia di stampa settimanale: UE/ ABI, BIBA E ANAPA SU ACCORDO DEL TRILOGO SULLA IDD.

roma 16 luglio 2015 -L’ultima notte della presidenza lettone dell’UE ha visto i negoziati del trilogo tra la Commissione europea, il Consiglio europeo e il Parlamento europeo giungere, finalmente, ad un accordo sulla nuova direttiva della distribuzione assicurativa, la IDD, come pubblicato la scorsa settimana da ads agenzia di stampa. Sin da quando la Commissione europea ha presentato il suo primo progetto per una nuova direttiva sull’intermediazione assicurativa, c’è stata molta discussione sulle modifiche proposte. Anche il cambiamento di nome, dalla prevista IMD 2 (Insurance Mediation Directive) a IDD (Insurance distribution d) è stata una conseguenza della discussione. Ora bisognerà vedere come i legislatori dei Paesi dell’Unione, dopo che la direttiva sarà varata dal parlamento europeo, intendono recepirla nel diritto nazionale nei due anni previsti. Va detto che la volontà politica per una maggiore trasparenza dovrebbe comportare maggiori costi per il settore assicurativo e questo a sua volta, in ultima analisi, avrà un effetto sui premi assicurativi dei clienti. Inoltre, il cliente dell’assicurazione è già dotato di una grande quantità di informazioni. Perciò bisognerà vedere se ulteriori obblighi di informazione davvero miglioreranno le informazioni fornite.

ABI: ORA PARTICOLARE ATTENZIONE AGLI ULTIMI DETTAGLI

Hugh Savill, direttore della regolazione dell’ABI (l’associazione degli assicuratori britannici) ha commentato: “L’accordo raggiunto sulla direttiva assicurazione distribuzione è il risultato di diversi anni di duro lavoro e trattative. Ora si dovrà guardare attentamente sugli ultimi dettagli, in particolare sul documento di informazioni dei prodotto assicurativo e le sue implicazioni pratiche per le aziende e i loro clienti.”

BIBA SODDISFATTA DELLE MIGLIORATE ED EQUE CONDIZIONI INTRODOTTE DAL TRILOGO

BIBA, la potente associazione dei brokers britannici ha dichiarato che “accoglie le migliorate condizioni eque per i clienti con la conclusione del processo politico sulla direttiva della distribuzione assicurativa (IDD). Dopo molti anni per promuovere gli interessi dei suoi membri e dei loro clienti a Bruxelles, Westminster e in stretta collaborazione con la nostra Federazione europea BIPAR BIPAR Federazione europea, BIBA è lieta di vedere la direttiva sull’intermediazione assicurativa che ora diventerà l’IDD e comprenderà anche siti di confronto e gli assicuratori diretti” ha dichiarato Steve White, CEO di BIBA. “E’ stato sempre visto da BIBA che, ovunque, un cliente organizzi la sua assicurazione, tramite sia un sito di confronto, un assicuratore o broker, tutti i requisiti di divulgazione devono essere identici. Accogliamo con favore questo approccio di parità conseguito dal trilogo nel finale dei negoziati tra il Consiglio dell’UE, il Parlamento europeo e la Commissione europea, che ha portato agli assicuratori diretti e ha dato chiarezza intorno ai siti di confronto prezzi. Questo è good per i clienti”. “Crediamo che il requisito obbligatorio di completare 15 ore di formazione professionale continua all’anno è fattibile ed è il giusto equilibrio”. “Siamo particolarmente lieti che le specificità del settore delle assicurazioni siano soddisfatte nell’IDD e che ci si allinei ancora con PRIPS / MIFID.”
Graeme Trudgill, direttore esecutivo di BIBA, ha detto: “questo è un punto del BIBA Manifesto e crediamo che i clienti debbonoricevere il giusto equilibrio delle informazioni sul tipo di assicurazione, gli obblighi contrattuali, i rischi assicurati e quelli esclusi, con un linguaggio semplice e facilmente comprensibile. Lavoreremo con tutti coloro che sono coinvolti nel progresso del nuovo documento di informazioni del prodotto e per garantire che l’attuazione a livello nazionale non sia sovraccaricata di informazioni eccessivamente pesanti per i clienti. I dettagli saranno risolti nel corso dei prossimi mesi e BIBA lavorerà con il BIPAR per garantire il miglior risultato per i clienti ed i nostri membri in tutto il periodo di attuazione.”

Leggi qui l’articolo completo…