Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

ANAPA | 23 October 2020

Scroll to top

Top

PACE FATTA FRA CARLA MARIA BARIN E VINCENZO CIRASOLA.

PACE FATTA FRA CARLA MARIA BARIN E VINCENZO CIRASOLA.
Incontro chiarificatore fra due agenti che hanno contribuito, fra gli altri, a scrivere la storia del Sindacato nazionale agenti. Dalla corsa insieme per prendere il posto di Ghironi al provvedimento di espulsione di Cirasola dallo Sna, a firma proprio della Barin…   

Carla Barin e Vincenzo CirasolaIn mezzo alle polemiche che imperversano quasi quotidianamente (soprattutto sui social) fra chi è iscritto a questo o a quel sindacato o associazione rappresentativa degli agenti, c’è spazio anche per le buone notizie. Due agenti che erano amici e che per un certo periodo della loro vita si sono allontanati in mezzo a un mare in tempesta. Due agenti molto conosciuti che hanno contribuito a scrivere la storia del Sindacato nazionale agenti: la pasionaria Carla Maria Barin e Vincenzo Cirasola.

All’inizio del 2009 a braccetto provarono a prendere il posto dello storico presidenteTristano Ghironi alla guida del Sindacato nazionale agenti, nell’ambito del congresso elettivo di Bologna. Unirono le forze forse troppo tardi. E così vinse Giovanni Metti.

Poi cominciò un periodo difficile, dove la polemica interna al sindacato prese il sopravvento con una dialettica piuttosto accesa.

Un’amicizia che si spense quando Cirasola venne espulso dal Sindacato nazionale agenti con provvedimento del 15 novembre 2012. Un decisione disposta dal collegio dei probiviri dello Sna allora presieduto proprio dalla Barin. Poi le strade si divisero: Barin rimase in Sna, Cirasola fondò Anapa.

CIRASOLA con BARINÈ dei giorni scorsi la notizia di una riappacificazione. È stata la stessa Barin (ospitata presso l’agenzia di Cirasola a Bologna) a scrivere un post sul suo profilo Facebook.    «Un’amicizia (quella con Cirasola, ndr) che sembrava perduta, è stata recuperata grazie alla sua sensibilità e all’affetto che mi ha dimostrato e che ci ha legato per tanti anni», ha sottolineato Barin, colpita recentemente da un grave lutto famigliare. «I rapporti umani non possono essere rimossi per questioni associative. Sarebbe stato davvero imperdonabile, per ambedue. Gli errori vanno sanati con umiltà e il coraggio non mi è mancato», ha scritto Barin.

Cirasola, utilizzando la sua pagina Facebook, ha sottolineato, tra l’altro, che «è stata ricompattata la nostra “storica” amicizia». (Nella foto in alto, Barin e Cirasola nell’incontro di qualche giorno fa. A destra, insieme durante il congresso elettivo Sna di Bologna nel 2009)  

Barin e Cirasola, nei loro post, fanno riferimento anche alle questioni sindacali, alla situazione attuale, al perché di certe scelte. Questo articolo, però, non entra nel merito, ma vuole semplicemente sottolineare un’amicizia ritrovata. (fs)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi qui l’articolo…