Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

ANAPA | 16 November 2018

Scroll to top

Top

Newsletter n. 20 del 11 dicembre 2017 di ANAPA Rete ImpresAgenzia

Newsletter n. 20 del 11 dicembre 2017 di ANAPA Rete ImpresAgenzia
Newsletter ANAPA Rete ImpresAgenzia
n. 20 del 11 dicembre 2017
Ai Presidenti dei Gruppi Aziendali

Agli organi direttivi di ANAPA
 Agli associati di ANAPA 

 A tutti gli agenti di assicurazione interessati

Oggetto: vademecum digitale sulla Legge Concorrenza 124/17 e Assicurazioni

Care colleghe e cari colleghi,

Dopo un lungo e ostico iter normativo avviato nel 2015, il 29 agosto 2017 è entrata in vigore la Legge per il mercato e la concorrenza n.124 del 2017 che detta rilevanti modifiche che coinvolgono, tra gli altri, anche il settore assicurativo.

ANAPA Rete ImpresAgenzia, da sempre attenta ai repentini cambiamenti del mercato, ha seguito le vicissitudini che hanno accompagnato il progetto di legge analizzando di volta in volta gli emendamenti al testo originario che, nella sua versione definitiva, assume una portata ben più blanda rispetto alla stesura iniziale.

Vi ricordiamo, in particolare, il nostro produttivo intervento per l’emendamento che ha ripristinato il “TACITO RINNOVO” nei rami danni non auto.

Tra le novità più importanti che impattano positivamente sulla nostra attività lavorativa, merita attenzione la riforma della disciplina del settore relativa alla previdenza complementare, per la quale in calce trovate una sintesi delle novità più salienti.

La nostra associazione, sperando di fornire indicazioni utili all’operatività quotidiana delle agenzie, ha pensato di offrire esclusivamente ai propri associati come “dono” di Natale il vademecum digitale prodotto da Assinform, che analizza tutti i dettagli della Legge 124/2017 (ex DDL Concorrenza) individuando tutte le novità in materia assicurativa contenute all’art. 1 commi 1 – 39 e 135, e che sarà costantemente aggiornato sulla normativa in evoluzione.
Gli iscritti ad Anapa Rete ImpresAgenzia riceveranno gratuitamente quindi, con una e-mail a parte, le coordinate per scaricare online od offline l’intera versione del vademecum.

Chi non è iscritto ad ANAPA Rete ImpresAgenzia non potrà riceverlo, ma speriamo che grazie a questa ulteriore iniziativa decida di aderirvi, riconoscendo così all’associazione un grande spirito di formazione e tutela dei propri aderenti e non solo. Quindi se vuoi associarti  può farlo oggi stesso cliccando qui…

Vi precisiamo che le quote sono rimaste invariate dal 2012 (€ 250 per singolo agente; € 400 per due soci; € 600 per tre o più soci) e valgono fino al 31-12-2018.

La segreteria di ANAPA Rete ImpresAgenzia resta a disposizione per ogni chiarimento all’indirizzo info@anapaweb.it oppure chiamando lo 0698387403.

Con i più cordiali saluti.
ANAPA Rete ImpresAgenzia

 SINTESI DELLE NOVITA’ SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE
A far data da settembre è possibile chiedere il riscatto integrale in capitale per perdita dei requisiti di partecipazione anche per le posizioni ad adesione individuale.Tale vantaggio prima era consentito solo ed esclusivamente per le adesioni in forma collettiva.
Questo comporta notevoli cambiamenti per le seguenti tipologie di aderenti (al di là o meno che vengano versate quote di TFR):
1)      Lavoratori dipendenti che vengono licenziati o si dimettono: basta dimostrare lo status di inoccupato, attraverso un certificato rilasciato dal centro dell’impiego;
2)      Lavoratori autonomi: cessazione della partita iva;
3)      Liberi professionisti: cancellazione dall’albo di appartenenza.

Sono esclusi dall’applicazione del riscatto per perdita dei requisiti di partecipazione chi è già in pensione, le casalinghe, i fiscalmente a carico e più in generale coloro che non hanno redditi.

Con questa importante novità vengono quindi meno quelle barriere psicologiche legate alla possibilità di ottenere la posizione interamente in capitale prima dei requisiti pensionistici previsti dal nostro ordinamento.

E’ importante ricordarci che la tassazione per i riscatti per perdita dei requisiti di partecipazione, per i montanti maturati dopo il primo gennaio 2007, è pari al 23% aliquota ossia più bassa rispetto al TFR lasciato in azienda dove la tassazione è almeno pari al 27%.

Inoltre, sottolineiamo un ulteriore aspetto: dalla tassazione è escluso il capital gain, in quanto già tassato al 20% ed eventuali contributi che l’aderente non ha dedotto, ad esclusione del TFR che non è una posta deducibile.

Ogni ulteriore informazione e dettagli sono consultabili sul vademecum digitale.