Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

ANAPA | 28 October 2020

Scroll to top

Top

L’OPINIONE DELLA SETTIMANA di Giovanni Trotta: MIO FIGLIO FARA’ L’ASSICURATORE?

L’OPINIONE DELLA SETTIMANA di Giovanni Trotta: MIO FIGLIO FARA’ L’ASSICURATORE?

L’OPINIONE DELLA SETTIMANA di Giovanni Trotta

MIO FIGLIO FARA’ L’ASSICURATORE?

Cari colleghi,

L’Agente di Assicurazioni, che categoria! Strana… fin dalla nascita, per alcuni.
Masochista, accentratore, individualista. Ne abbiamo sentite di tutti i colori.

Potremmo essere imprenditori, ma a volte siamo perlopiù parasubordinati; siamo autonomi, ma non liberi; professionali, ma non liberi professionisti; tassati e tartassati, ma non detassati. A volte alcuni di noi anche “esauriti”, ma esaurienti; super contribuenti dello Stato e mai evasori, ricchi per lo più dentro, ma non fuori; amici, ma anche nemici; uniti, ma disgregati; smanettoni, ma non digitali; sindacalizzati, ma non sindacalisti.

Da decenni programmiamo il futuro, le attività, l’organizzazione, le trattative con le mandanti in funzione che un giorno possiamo passare il testimone a nostro figlio, seppure possiamo vivere le contraddizioni del chiedersi se sia la cosa giusta, se la professione ha un futuro: dubbi leciti per dei padri di famiglia e per chi aspira al meglio.

Allora varrebbe la pena chiedersi qual è il fascino di questa professione? Cosa ci fa alzare ogni mattina e correre? Cosa ci anima a perseguire gli obiettivi sempre più alti e a volte difficili? Quali stimoli, quali soddisfazioni?

La luce negli occhi dei nostri clienti, l’ebbrezza della chiusura di una trattativa, il sorriso quotidiano dei nostri dipendenti e collaboratori, l’orgoglio negli occhi dei nostri figli, la consapevolezza che stiamo facendo la cosa giusta, che abbiamo una professione sociale, che grazie a noi molte famiglie capiscono il valore e la cultura della protezione. Che permettiamo ad alcuni di costruirsi un futuro o almeno di non danneggiarselo.

Sono queste alcune delle risposte che mi sono venute in mente, ma mi piacerebbe capire che cosa ne pensate voi, quali sono le vostre motivazioni, quali sono i vostri supporti. Non do risposte, cerco solo di aprire una discussione.

Sarebbe bello un forum per darci delle risposte e per aprire le nostri menti, indipendentemente dal nostro volume d’affari, dalle dimensioni della nostra agenzia, dal numero di collaboratori o dalla compagnia per la quale agiamo, ecc., perché come ben sappiamo nulla è immutabile.

Chi è maggioritario poi diventa minoritario, il minoritario si amalgama bene con il maggioritario, il bianco e il nero si abbinano bene (bianconero), come il nero con l’azzurro (nerazzurro), così il rosso con il nero (rossonero). Il calcio fa storia anche se a volte fa pena!

Di una cosa forse potremo essere sicuri: un mondo senza Assicuratori è un mondo peggiore e quindi…

…mio figlio farà l’Assicuratore.

Buona riflessione!

Giovanni Trotta
Componente di Giunta
ANAPA Rete ImpresAgenzia