Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

ANAPA | 2 December 2020

Scroll to top

Top

Newsletter n. 1 del 20/01/2017 di ANAPA Rete ImpresAgenzia

Newsletter n. 1 del 20/01/2017 di ANAPA Rete ImpresAgenzia
Newsletter ANAPA Rete ImpresAgenzia
n. 1 del 20 gennaio 2017
Ai Presidenti dei Gruppi Aziendali

Agli organi direttivi di ANAPA

 Agli associati di ANAPA

 A tutti gli agenti di assicurazione interessati

Oggetto: ISTANZA ACCESSO AGLI ATTI A FONAGE E COVIP

Care Colleghe e cari Colleghi,

questa settimana, al posto della consueta rassegna stampa, riteniamo opportuno concentrare la nostra comunicazione sulla storia senza fine di FONAGE, che continua ancora a occupare spazio sulla stampa nazionale, aggiungendo novità dai contorni oscuri che meriterebbero essere scoperchiati.

Nel caso non lo abbiate ancora fatto, vi invitiamo a leggere con attenzione i due articoli in allegato, che desideriamo condividere e commentare assieme a voi:

  1. L’articolo pubblicato sulla rivista mensile Assinews, a firma di Arrigo Nobile, (clicca qui…) che, come già evidenziato dal prof. Claudio Cacciamani, afferma attraverso un lessico semplice quanto ANAPA ha detto e scritto sin dal gennaio 2014. Nobile, apprezzato formatore e stimato ex collega, è, come già il prof. Cacciamani, assolutamente terzo, essendo un collaboratore di Assinform, componente del Collegio di Garanzia IVASS. Ci permettiamo, comunque, di sottolineare come, nella sua precisa ricostruzione dei fatti, abbia tralasciato che in tutta questa infelice vicenda, l’ANIA, nonostante la corresponsabilità, abbia pure risparmiato € 20 milioni una tantum ed € 1,5 annue vita natural durante (€ 100 annue x 15.000 agenti attivi iscritti a FONAGE) previsti nel Piano di salvataggio originario.
  1. L’articolo pubblicato sabato scorso su PLUS 24, inserto de IL SOLE24ORE,  (clicca qui…) che parla nuovamente di AGENIM, la S.r.l. partecipata al 99,99% da FONAGE, che fa seguito ai precedenti articoli pubblicati lo scorso 19 dicembre, i quali mettevano in luce la gestione “familiare e poco professionale” della componente immobiliare (con l’acquisto di ex caserme) e una gestione “allegra” dei rimborsi spese (a un membro del CdA è stato elargito sia il rimborso per la cena di capodanno in montagna, sia quello per il biglietto del treno e per il viaggio in auto, in occasione della stessa trasferta). In questo articolo invece si riferisce dell’acquisto di bottiglie di vino e di altri prodotti alimentari.
Tutte notizie che, come capirete, stanno arrecando un grave danno d’immagine alla nostra categoria ed alla capacità di amministrare la previdenza dei colleghi.
Riteniamo importante, in qualità di associazione di rappresentanza degli agenti di assicurazione andare “fino in fondo”, soprattutto dopo essere stati sin dall’inizio in prima linea su tale questione, informandovi sulle sorti del nostro Fondo Pensione Agenti e sulle ragioni per cui è sorto il “buco prospettico”. Riteniamo di avere il dovere di andare avanti fino in fondo per cercare di scoprire la “verità” e, in caso di riscontro di eventuali responsabilità, di agire con fermezza nei confronti dei “presunti colpevoli” (compresa l’ANIA) che hanno portato al commissariamento e quindi alla pesante “falcidia” dei nostri risparmi e della nostra pensione. Alla nostra segreteria stanno pervenendo tante lettere di sostegno politico alla nostra causa, da parte di agenti pensionati o eredi che, a seguito dei tagli subiti dal “commissario”, hanno seri problemi finanziari, che ci spronano a non mollare la causa.

Abbiamo l’impressione che, almeno finora, nessuno abbia avuto il coraggio di assumersi la responsabilità di denunciare i responsabili, preferendo voltarsi dall’altra parte o lavandosene le mani alla “Ponzio Pilato”. Una strategia che non accettiamo e non condividiamo.
Ricordiamo, infatti, che lo scorso 21 novembre, ANAPA Rete ImpresAgenzia ha avanzato la richiesta, a firma di 3 componenti dell’assemblea dei delegati al nuovo CdA di FONAGE, di ricevere una copia degli atti che il commissario, al momento della sua uscita, aveva lasciato nelle loro mani, con la richiesta di risarcimento dei danni ad alcuni ex amministratori, così come abbiamo letto nell’articolo allegato. Abbiamo replicato la stessa richiesta il13 dicembre, a firma del nostro segretario generale, inviandola per conoscenza anche all’ANIA e COVIP.
Ma da come potete leggere dall’unica risposta allegata e che vi riportiamo (clicca qui…) “il CdA del Fondo sta esaminando tutti i profili di merito ad un eventuale diffusione del documento in oggetto…”.
A tutt’oggi, dopo circa 60 giorni dalla nostra prima richiesta, non abbiamo ricevuto ancora il dossier e francamente ci riesce assai difficile comprendere il motivo di quest’atteggiamento omissivo da parte del nuovo CdA di FONAGE, che ricordiamo è composto da 3 rappresentanti degli agenti-SNA e da 3 rappresentanti delle imprese-ANIA.
Troviamo alquanto fastidioso il fatto che il famigerato documento sia nelle mani di una giornalista, ma non in quelle di chi rappresenta una parte di quei 25.000 agenti (attivi e pensionati) iscritti a FONAGE.

Per questo motivo abbiamo già incaricato i nostri legali di avanzare richiesta formale a FONAGE e COVIP per avere l’accesso agli atti.
Nella speranzosa e ottimista attesa di ricevere tempestivamente, almeno nel rispetto della legge e della trasparenza politica, il suddetto DOSSIER, proprio per fare chiarezza e cancellare ogni “potenziale sospetto” e quindi verificare se l’azione di responsabilità proposta dal commissario sia stata attivata dal nuovo CdA, riproponiamo ai numerosi colleghi che ci continuano a scrivere e chiedere cosa fare, che l’azione da intraprendere, in piena libertà individuale e imprenditoriale, è quella di scegliere una delle opzioni avanzate nella nostra precedente comunicazione del 16 novembre 2016 (clicca qui…), che per praticità vi ri-alleghiamo.

In conclusione, cari colleghi, adesso non solo ANAPA Rete ImpresAgenzia, ma anche altri, affermano che FONAGE ha seri problemi strutturali.
Ognuno è libero di credere alle favole e agli imbonitori di turno, che si sono succeduti in tutti questi anni. Noi ci siamo già “svegliati dall’ipnosi collettiva” e ve lo stiamo dicendo con trasparenza e lealtà da 3 anni.  Adesso tocca a Voi.

I nostri più cordiali saluti.

ANAPA – Rete ImpresAgenzia

Allegato:

  1. Articolo di Assinews di gennaio 2017;
  2. Articolo di sabato 14 u.s. di PLUS 24;
  3. Risposta di Fonage del 16-12-2016;
  4. Newsletter ANAPA Rete ImpresAgenzia n. 29 del 16 novembre 2016.