Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

ANAPA | 24 September 2020

Scroll to top

Top

Editoriale e rassegna stampa settimanale n. 27 del 15/09/2017 di ANAPA Rete ImpresAgenzia

Editoriale e rassegna stampa settimanale n. 27 del 15/09/2017 di ANAPA Rete ImpresAgenzia

UNA VOLTA ANCORA…Catastrofe senza assicurazione

Cari colleghi,

vivo da 30 anni a Pisa, a circa 15 km da Livorno. 

Lavoro in Generali da circa 20 e, di conseguenza, ho sempre lavorato vicino ai Ramacciotti, Roberto per l’esattezza, perché Simone è arrivato parecchi anni dopo.

Inutile dire altro sulla tragedia che li ha colpiti e che lascia tutti noi senza parole.

C’è invece molto da dire su quanto c’è da fare in questo paese proprio riguardo al nostro settore, perché nella stessa città, a me così vicina da sentirne il dolore, c’è oggi un’infinità di gente che è a pezzi, non solo negli affetti, ma anche nella concretezza dei propri beni, andati distrutti o a forte rischio di perdita.

Imprenditori che si trovano in ginocchio e cittadini che dovranno indebitarsi per rimettere in sesto le loro case o le loro attività.

Ma quanti di loro sono assicurati per questi rischi? Quanti sono assicurati al meglio? Cosa aspettano i nostri politici a prestare attenzione a tutto questo? L’Italia è ormai flagellata da eventi catastrofali che ci risvegliano a schiaffi dal nostro torpore e dalla nostra attenzione a cose futili o solo utili al dibattito.

E’ tutto un ‘condannare’, un ‘prendere posizione’ da parte di chi ci governa, ma abbiamo bisogno di fatti e di gente che si sporchi le mani.

La RCA da molti è vista come una tassa, è vero, ma la sua obbligatorietà ha reso superabile un numero enorme di situazioni a dir poco difficili.

I rischi catastrofali, ancora oggi, non sono considerati rischi concreti, ma poi dobbiamo ‘leccarci le ferite’ a danno fatto.

E’ troppo importante ed urgente un cambio strutturale, che probabilmente non porterà voti o non sarà popolare, ma che allo stesso tempo risolverà diverse problematiche future, pressoché certe.

L’ANIA sono circa 20 anni che sollecita il Governo di turno a legiferare in materia, ma rimaniamo alla demagogia e al populismo.

Noi di ANAPA Rete ImpresAgenzia ci siamo spinti oltre, presentando nel 2015 una proposta di legge sull’assicurazione dei rischi catastrofali, con un modello di semi-obbligatorietà, come esiste da tempo in Francia. L’abbiamo presentata al Ministero dell’Ambiente On. Gian Luca Galletti e al Vice Ministro dell’economia On. Enrico Zanetti che, nonostante abbiano condiviso la proposta partecipando al nostro congresso di novembre 2015, non sono riusciti ad andare oltre.

Il cambio strutturale non possiamo farlo noi intermediari, ma avremo sicuramente la capacità di far valere il nostro ruolo sociale facendo comprendere la necessità di assicurarsi a dovere, in modo da rendere queste tragedie quanto meno sopportabili dal punto di vista economico; gli affetti, purtroppo, non ce li restituisce nessuno.

Forza Livorno, che detto da un pisano vale doppio!

Stefano Maestri Accesi
Componente Giunta Esecutiva Nazionale