Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

ANAPA | 13 December 2018

Scroll to top

Top

DA ANAPA UNA BORSA DI STUDIO IN MEMORIA DI MASSIMO CONGIU

DA ANAPA UNA BORSA DI STUDIO IN MEMORIA DI MASSIMO CONGIU

Anapa Rete ImpresAgenzia in prima linea nella lotta contro le malattie oncologiche: il Consiglio direttivo ha deciso di istituire una Borsa di studio da 15mila euro per sostenere la ricerca oncologica in memoria di Massimo Congiu, prematuramente scomparso dopo una lunga malattia. “Iniziativa importante e concreta”, sottolinea il presidente di Anapa Vincenzo Cirasola (nella foto a sinistra insieme a Massimo Congiu),  per ricordare una grande persona e un grande professionista”.

“Farò di tutto per esserci ma se non dovessi esserci, ovunque sarò, sappiate che tirerò le orecchie a chi si comporterà male”. Lo diceva spesso Massimo Congiu, past president di Anapa Rete ImpresAgenzia e ultimo presidente di Unapass, quando parlava del male contro cui stava lottando. E lo aveva detto anche di fronte a un pubblico commosso, a conclusione del suo discorso al congresso di Anapa Rete ImpresAgenzia nel novembre del 2015, dopo aver trattato i temi principali della categoria degli agenti di assicurazione che tanto lo appassionavano, esortando tutti i presenti a impegnarsi e a perseguire gli interessi di tutta la categoria. Seppur minato da quella malattia che stava combattendo con un coraggio da leone, Massimo aveva avuto ancora la forza di infondere coraggio, di far capire ai presenti che si può anche perdere una battaglia, ma la guerra no. E che bisogna sempre lottare: per contrastare una malattia, così come per difendere i valori in cui si crede.

“Massimo è scomparso da quasi due mesi lasciando un vuoto incolmabile nella sua famiglia, nella sua agenzia e in tutto il suo mondo professionale”, sottolinea un comunicato stampa di Anapa, “aveva dedicato la sua vita a rappresentare gli agenti di assicurazione con il suo stile discreto ma assertivo, senz’arroganza ma con costanza e senza risparmiarsi mai, anche quando la malattia glielo avrebbe imposto. E’ proprio da questa considerazione che è nata l’esigenza di ricordarne l’esempio, per chi l’ha conosciuto più da vicino. Da qui l’idea, in accordo con la sua famiglia, che il modo migliore per ricordare Massimo fosse istituire una Borsa di studio per finanziare la ricerca e la prevenzione oncologica. Più volte, in questi ultimi anni, Massimo aveva richiamato l’attenzione sull’importanza della prevenzione, sull’utilità del nostro lavoro nel campo del welfare, sulla necessità e sui risultati della ricerca. Ci siamo affidati così, dopo un’attenta indagine, alla Lilt, la Lega italiana della lotta contro i tumori, Ente di diritto pubblico, per raccogliere entro il 30 giugno 2018 contributi per almeno 15mila euro al fine di supportare e sostenere una ricerca in campo oncologico in memoria di Massimo Congiu”.

La Borsa di studio sarà indetta dalla Lilt per perseguire le proprie finalità statutarie di prevenzione oncologica. Se entro il 30 giugno non si dovesse raggiungere l’obiettivo prefissato, gli importi realizzati saranno utilizzati per il supporto a favore della Lilt nel perseguimento delle finalità istituzionali.

“Su indicazione del Consiglio direttivo, Anapa Rete ImpresAgenzia ha già versato un contribuito iniziale sul conto corrente intestato a Lilt”, spiega il presidente Cirasola, “allo stesso modo, vogliamo portare a conoscenza i gruppi agenti e l’intera categoria, non soltanto gli agenti, dell’esistenza di questa iniziativa fuori dai soliti ambiti. Riteniamo che ognuno possa, secondo la sensibilità e la propria disponibilità contribuire personalmente in piena coscienza e con discrezione perché, come diceva Massimo, non è vero che “A me non può succedere”».

Chiunque volesse contribuire a finanziare la Borsa di Studio in memoria di Massimo Congiu può farlo mediante un bonifico bancario intestato a Lilt – IBAN: IT61E0103003200 000006418011  – codice BIC: PASCITMMROM. La causale da inserire è “Contributo a favore LILT per attività di prevenzione oncologica, in memoria di Massimo Congiu”.