Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

ANAPA | 18 August 2018

Scroll to top

Top

BORSA DI STUDIO IN RICORDO DI CONGIU: LA RACCOLTA FONDI SUPERA LE ASPETTATIVE

BORSA DI STUDIO IN RICORDO DI CONGIU: LA RACCOLTA FONDI SUPERA LE ASPETTATIVE
Il contributo raccolto da Anapa ha superato i 18.000 euro. Servirà per sostenere la ricerca oncologica.

Da sinistra: Vincenzo Cirasola e Massimo Congiu.

A marzo scorso, il target prefissato era di 15.000 euro, ma il contributo raccolto da Anapa Rete ImpresaAgenzia per sostenere, insieme alla Lega italiana per la lotta contro i tumori (Lilt), la ricerca oncologica con una borsa di studio in memoria di Massimo Congiu, ha toccato quota 18.125 euro.

È quanto ha reso noto la stessa associazione degli intermediari, che ha ricordato come «oggi più che mai, con le scienze mediche, chirurgiche e farmacologiche che, anno dopo anno, compiono passi da gigante nella lotta contro i tumori», sia «importante sostenere la ricerca per sconfiggere quello che già ora, in parecchi casi, non è più un “male incurabile”».

«Abbiamo raggiunto e superato l’obiettivo che ci eravamo prefissati», ha commentato Vincenzo Cirasola, presidente di Anapa, che insieme al consiglio direttivo ha promosso la raccolta fondi. «Ringrazio di cuore tutti i colleghi che con il loro cuore hanno voluto rendere omaggio a Massimo (past president dell’associazione e ultimo presidente di Unapass, prematuramente scomparso dopo una lunga lotta contro la malattia, ndr). Ma ora credo che non sia il momento di fermarsi. Fino al 30 giugno è ancora possibile contribuire per sostenere la ricerca e dare una spallata ancora più forte alla malattia».

Chiunque volesse contribuire a finanziare la Borsa di Studio in memoria di Massimo Congiu, fa presente Anapa, può ancora farlo mediante un bonifico bancario intestato a: Lilt – Iban: IT 61 E 01030 03200 000006418011 – codice BIC: PASCITMMROM. La causale da inserire è “Contributo a favore LILT per attività di prevenzione oncologica, in memoria di Massimo Congiu”. (fs)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi qui l’articolo…